PittoriSiciliani.it

Home Page

Carla Accardi

marcellomerlino@pittorisiciliani.it



Biografia

Motivazioni

Opere Pittoriche

Incisioni

Curriculum

Altre opere

Pittori Siciliani

Critica

Contatti



 

C:\Documents and Settings\Marcello\Desktop\mcarlaccardi1[1].jpg

Nata a Trapani nel 1924, e senza dubbio una delle più autorevoli figure dell’astrattismo italiano, dopo la formazione classica consegue la maturità artistica nel 1343, in seguito frequenta i corsi all'Accademia di Belle Arti di Palermo e poi di Firenze. Nel 1946 si trasferisce a Roma dove continuerà a svolgere la sua attività artistica

http://t2.gstatic.com/images?q=tbn:cVxKw4vw5lBXPM:http://images.arcadja.com/accardi_carla-viola_verde_arancio~250~10460_20091219_700_33.jpg


Sposa, nel 1949, il pittore Antonio Sanfilippo, conoscendo anche in quel periodo, negli studi di via Margutta, gli artisti Pietro Consagra e Turcato stabilendo percorsi di amicizia e di lavoro. Conosce, anche, Ugo Attardi, Dorazio, Guerrini, Maugeri, Perilli. Con grande carisma prende parte, come uno dei fondamentali esponent,i al gruppo Forma 1

Accardi partecipa con il gruppo a numerose collettive sia in Italia che all'estero; la sua prima mostra personale è alla Galleria Numero di Firenze, seguita nel '50 da quella alla Galleria Libreria Age d'Or di Roma presentata da Turcato.

http://t3.gstatic.com/images?q=tbn:gUm78UXDD0dxPM:http://www.teknemedia.net/esposizioni/2009/TKimg49f1646992a3b.jpg


Fino al 1952, l'opera di Carla Accardi si muove sulla linea della pittura costruttivo-concretista, per volgersi poi verso una ricerca fondata sulla poetica del segno che la porterà a partire dal 1954 a realizzare opere articolate essenzialmente su insiemi di segmenti pittorici bianchi su fondi neri. Questa scelta espressiva la mette in relazione con le ricerche dei maggiori artisti dell'informale.

http://t3.gstatic.com/images?q=tbn:76wrF9OIo6m1mM%3Ahttp://www.sellarte.it/Contenuti/ImmaginiResize/Carla%2520Accardi_contenuti_aggiudicazioni_258_400_900_2.jpg


Michel Tapié, critico e profeta dell'arte informale, segue il lavoro dell'Accardi invitandola, tra il 1954 e il 1959, alle mostre da lui curate in Italia e all'estero. Negli stessi anni l'artista partecipa a numerose collettive,presentata da critici come Michel Seuphor, Palma Bucarelli, Giulio Carlo Argan e Lionello Venturi.

http://t2.gstatic.com/images?q=tbn:VG1q0dQLe9eQYM:http://www.agoramagazine.it/agora/local/cache-vignettes/L400xH282/Carta_Accardi_Cobalto-verdechiaro_gouache_cm_35x50-ae204.jpg

 

A partire dagli anni Sessanta Carla Accardi recupera un linguaggio incentrato sul rapporto segno-colore, accentuando il valore cromatico in bicromie luminescenti. Nel 1964 è presente con una sala personale alla Biennale di Venezia, presentata da Carla Lonzi con la quale instaura un sodalizio che la porterà alla militanza femminista.

http://t2.gstatic.com/images?q=tbn:_U0eZmnOpbQuUM%3Ahttp://www.galleriaengema.com/OPERE/Accardi/carla%2520accardi-%2520leggera%2520fortezza%25202008-%2520vinilico%2520su%2520tela-%2520cm.%2520100x120.jpg

 
La ricerca basata sul segno-colore trova un'ulteriore radicalizzazione nelle opere successive quando Carla Accardi usa come supporto le superfici trasparenti di silicofoil e accentua la natura del quadro come diaframma luminoso. L'interesse per la relazione tra opera e ambiente giunge alla radicalità nel lavoro Triplice tenda del 1969-'71, una vera e propria struttura "abitabile" e percorribile dallo spettatore.

http://t0.gstatic.com/images?q=tbn:DkfUidRJCd0GWM:http://www.arsvalue.com/webapp/upl/cache/immagini-opere/83e4ba5e-4a2f-4f4f-980e-196ab31195fe/200910/12909381-rosso-blu-carla-accardi_big.jpg/width-120-100.jpg


E' invitata alla Biennale di Venezia del 1976, a quella del 1978 e a numerose personali e collettive, partecipando a mostre retrospettive del gruppo Forma 1 e dell'avanguardia italiana degli anni Cinquanta. Negli anni Ottanta la Accardi avvia una nuova ricerca, nella quale è tuttora impegnata: nelle sue opere l'utilizzo della tela grezza lascia trapelare gli intrecci di larghi segni colorati, dove diverse stesure cromatiche si giustappongono creando campi energetici di differenti intensità.

http://t2.gstatic.com/images?q=tbn:52lWwFYENfHTXM:http://lh6.ggpht.com/_09bOTRkir3A/Ss3SF5idYVI/AAAAAAAAFhA/Bz8mKSCM0lY/s640/835087569_141b7cb979_o.jpg


Espone alla Biennale di Venezia del 1988 ed è presente nelle principali rassegne storiche dell'arte italiana del nostro secolo in Italia e all'estero (tra le altre Italian Art in the XXth Century, Royal Academy, Londra, 1989 e The Italian Metamorphosis 1943-1968, Guggenheim Museum, New York, 1994); partecipa ad importanti rassegne internazionali come Chambres d'amis (Gand, 1986).
Viene nominata nel 1996 membro dell'Accademia di Brera e nel 1997 fa parte, come consigliere, della Commissione per la Biennale di Venezia.
Il catalogo generale delle opere di Carla Accardi è a cura di Germano Celant.

 


Scambio Link
Pagine Link
mail:
marcellomerlino@pittorisiciliani.it